23 MÜMİNUN

  • 23:1

    Invero prospereranno i credenti,

  • 23:2

    quelli che sono umili nell'orazione,

  • 23:3

    che evitano il vaniloquio,

  • 23:4

    che versano la decima

  • 23:5

    e che si mantengono casti,

  • 23:6

    eccetto con le loro spose e con schiave che possiedono - e in questo non sono biasimevoli,

  • 23:7

    mentre coloro che desiderano altro sono i trasgressori -

  • 23:8

    che rispettano ciò che è loro stato affidato e i loro impegni;

  • 23:9

    che sono costanti nell'orazione:

  • 23:10

    essi sono gli eredi,

  • 23:11

    che erediteranno il Giardino, dove rimarranno in perpetuo.

  • 23:12

    In verità creammo l'uomo da un estratto di argilla.

  • 23:13

    Poi ne facemmo una goccia di sperma [posta] in un sicuro ricettacolo,

  • 23:14

    poi di questa goccia facemmo un'aderenza e dell'aderenza un embrione; dall'embrione creammo le ossa e rivestimmo le ossa di carne. E quindi ne facemmo un'altra creatura. Sia benedetto Allah, il Migliore dei creatori!

  • 23:15

    E dopo di ciò certamente morirete,

  • 23:16

    e nel Giorno del Giudizio sarete risuscitati.

  • 23:17

    In verità creammo sopra di voi sette cieli e non siamo incuranti della creazione.

  • 23:18

    E facemmo scendere l'acqua dal cielo in quantità misurata e la mantenemmo sulla terra, anche se abbiamo la capacità di farla sparire.

  • 23:19

    E per suo tramite, produciamo per voi palmeti e vigneti in cui [trovate] i molti frutti che mangiate,

  • 23:20

    come quest'albero che sorge dal monte Sinai, che vi offre olio e condimento per i vostri cibi.

  • 23:21

    Invero, anche nel bestiame vi è argomento [di meditazione]: vi diamo da bere di ciò che è nel loro ventre e ne traete molti vantaggi; e di loro vi cibate;

  • 23:22

    viaggiate su di essi e sui vascelli.

  • 23:23

    Già inviammo Noè al suo popolo. Disse loro: “O popolo mio, adorate Allah. Per voi non c'è altro dio che Lui. Non Lo temete?”.

  • 23:24

    Allora i notabili della sua gente, che erano miscredenti, dissero: “Costui non è che un uomo come voi! Vuole [solo] elevarsi sopra di voi. Se Allah avesse voluto [che credessimo] avrebbe fatto scendere degli angeli. Ma di questo non abbiamo mai avuto notizia, [neppure] dai nostri antenati più lontani.

  • 23:25

    Certo costui non è che un uomo posseduto. Osservatelo per un po' di tempo...”.

  • 23:26

    Disse [Noè]: “Signore, aiutami, mi trattano da impostore”.

  • 23:27

    Perciò gli ispirammo: “Costruisci un'Arca sotto i Nostri occhi, secondo quello che ti abbiamo ispirato. Poi, quando giungerà il Decreto Nostro e ribollirà la Fornace, allora imbarca una coppia per ogni specie e la tua famiglia, eccetto colui contro il quale è già stata emessa la sentenza. E non Mi rivolgere suppliche in favore degli ingiusti: saranno annegati.

  • 23:28

    Quando poi vi sarete sistemati nell'Arca, tu e coloro che saranno con te, di': “Sia lodato Allah che ci ha salvato dagli ingiusti!”;

  • 23:29

    e di': “Signore, dammi approdo in un luogo benedetto, Tu sei il migliore di coloro che danno approdo!”.

  • 23:30

    Questi certamente furono segni. In verità, Noi siamo Colui che mette alla prova.

  • 23:31

    E, dopo di loro, suscitammo un'altra generazione,

  • 23:32

    alla quale inviammo un messaggero dei loro, affinché dicesse: “Adorate Allah, per voi non c'è altro dio all'infuori di Lui. Non Lo temerete dunque?”.

  • 23:33

    I notabili della sua gente, che erano miscredenti e che negavano l'altra vita, quelli stessi ai quali concedemmo gli agi in questa vita, dissero: “Costui non è che un uomo come voi, mangia ciò che voi mangiate, e beve ciò che voi bevete.

  • 23:34

    Se obbedirete ad un vostro simile, sarete certo tra i perdenti!

  • 23:35

    Davvero vi promette che quando sarete morti, [ridotti a] polvere e ossa, sarete risuscitati?

  • 23:36

    Lontano, lontano, è ciò che vi viene promesso!

  • 23:37

    Non esiste altro che questa nostra vita: viviamo e moriamo e non saremo risuscitati.

  • 23:38

    Non è altro che un uomo che ha inventato menzogne contro Allah e noi non gli presteremo alcuna fede!”.

  • 23:39

    Disse [Noè]: “Signore, aiutami, mi trattano da impostore”.

  • 23:40

    Rispose [Allah]: “Ben presto se ne pentiranno, è certo!”.

  • 23:41

    Li colpì il Grido in tutta giustizia e li rendemmo come detriti portati dalla corrente. Periscano per sempre gli ingiusti.

  • 23:42

    Dopo di loro suscitammo altre generazioni.

  • 23:43

    Nessuna comunità anticiperà o ritarderà il termine suo.

  • 23:44

    Inviammo i nostri messaggeri, in successione. Ogni volta che un messaggero giunse a una comunità, lo trattarono da impostore. Facemmo sì che succedessero le une alle altre e ne facemmo [argomento di] leggende. Periscano per sempre le genti che non credono!

  • 23:45

    Quindi inviammo Mosè e suo fratello Aronne, coi segni Nostri ed autorità evidente,

  • 23:46

    a Faraone e ai suoi notabili che si mostrarono orgogliosi: era gente superba.

  • 23:47

    Dissero: “Dovremmo credere in due uomini come noi, il cui popolo è nostro schiavo?”.

  • 23:48

    Li tacciarono di menzogna e furono tra coloro che vennero annientati.

  • 23:49

    Già demmo il Libro a Mosè, affinché seguissero la retta via.

  • 23:50

    E facemmo un segno del figlio di Maria e di sua madre. Demmo loro rifugio su un colle tranquillo e irrigato.

  • 23:51

    O Messaggeri, mangiate quello che è puro e operate il bene. Sì, io conosco bene il vostro agire.

  • 23:52

    In verità questa vostra Comunità è una Comunità unica e Io sono il vostro Signore. TemeteMi dunque.

  • 23:53

    Ma essi si divisero in sette e ogni fazione si gloria di ciò che possiede.

  • 23:54

    Lasciali immersi [nella loro situazione] per un certo periodo.

  • 23:55

    Credono forse che tutto ciò che concediamo loro, beni e prole,

  • 23:56

    [sia un anticipo] sulle buone cose [della vita futura]? Certo che no! Sono del tutto incoscienti.

  • 23:57

    In verità, coloro che fremono per il timore del loro Signore,

  • 23:58

    che credono nei segni del loro Signore,

  • 23:59

    che nulla associano al loro Signore,

  • 23:60

    che danno quello che danno con cuore colmo di timore, pensando al ritorno al loro Signore,

  • 23:61

    essi sono coloro che si affrettano al bene e sono i primi ad assolverlo.

  • 23:62

    Non carichiamo nessuna anima oltre ciò che può portare. Presso di Noi c'è un Libro che dice la verità, ed essi non subiranno alcun torto.

  • 23:63

    Ma a proposito [di questo Corano] i loro cuori sono distratti. Ci sono azioni verso le quali gli iniqui andranno inevitabilmente.

  • 23:64

    Quando poi colpiamo col Nostro castigo i più agiati tra di loro, lanciano grida d'angoscia:

  • 23:65

    “Non gridate oggi! Nessuno vi proteggerà da Noi!

  • 23:66

    Quando vi erano recitati i Miei segni, volgevate le spalle,

  • 23:67

    gonfi d'orgoglio li denigravate nelle vostre veglie”.

  • 23:68

    Non ne hanno dunque meditato le parole [di Allah]? Forse è giunto loro qualche cosa che mai era pervenuta ai loro antenati?

  • 23:69

    Già conoscevano il Messaggero, perché poi lo hanno rinnegato?

  • 23:70

    Oppure dicono: “È un posseduto dai dèmoni”. È invece la verità, quello che lui ha recato, ma la maggior parte di loro disdegna la verità.

  • 23:71

    Se la verità fosse consona alle loro passioni, certamente si sarebbero corrotti i cieli e la terra e quelli che vi si trovano! No, abbiamo dato loro il Monito, ma essi se ne allontanano.

  • 23:72

    Oppure stai chiedendo loro un compenso? Il compenso del tuo Signore è migliore, ed Egli è il migliore dei sostentatori.

  • 23:73

    Certo, tu li inviti alla retta via.

  • 23:74

    Invero coloro che non credono all'altra vita se ne allontanano.

  • 23:75

    Se li facessimo oggetto della misericordia e allontanassimo la miseria che li affligge, certamente persevererebbero alla cieca nella loro ribellione.

  • 23:76

    Già li colpimmo col castigo, ma non si sono arresi al loro Signore, non si sono umiliati.

  • 23:77

    [E non lo faranno] fino a quando non apriremo su di loro la porta del castigo terribile, e allora saranno disperati.

  • 23:78

    Egli è Colui Che ha creato l'udito, la vista e i cuori. Eppure ben raramente Gli siete riconoscenti.

  • 23:79

    Egli è Colui Che vi ha distribuito sulla terra e presso di Lui sarete riuniti.

  • 23:80

    Egli è Colui Che dà la vita e dà la morte, a Lui [appartiene] l'alternarsi del giorno e della notte. Non capite dunque?

  • 23:81

    Dicono piuttosto quello che già dissero i loro antenati.

  • 23:82

    Dicono: “Quando saremo morti e ridotti in polvere e ossa, davvero saremo resuscitati?

  • 23:83

    Ci viene promesso questo, come già [fu promesso] ai nostri avi: non sono altro che vecchie storie”.

  • 23:84

    Di': “A chi [appartiene] la terra e ciò che contiene? [Ditelo] se lo sapete!”.

  • 23:85

    Risponderanno: “Ad Allah”. Di': “Non rifletterete dunque?”.

  • 23:86

    Di': “Chi è il Signore dei sette cieli, il Signore del Trono Sublime?”.

  • 23:87

    Risponderanno: “Allah”. Di': “Non Lo temerete dunque?”.

  • 23:88

    Di': “Chi [tiene] nella Sua mano il regno di tutte le cose? Chi è Colui che protegge e contro il Quale nessuno può essere protetto? [Ditelo] se lo sapete!”.

  • 23:89

    Risponderanno: “Allah”. Di': “Com'è dunque che siete stregati?”.

  • 23:90

    Abbiamo dato loro la verità, ma essi sono dei bugiardi.

  • 23:91

    Allah non Si è preso figlio alcuno e non esiste alcun dio al Suo fianco; ché altrimenti ogni dio se ne sarebbe andato con ciò che ha creato e ognuno [di loro] avrebbe cercato di prevalere sugli altri. Gloria ad Allah, ben oltre quello che affermano!

  • 23:92

    [Egli è il] Conoscitore del visibile e dell'invisibile. Egli è ben più alto di quanto [Gli] associano!

  • 23:93

    Di': “Mio Signore, se mai mi mostrerai quello che hai promesso loro...

  • 23:94

    ebbene, mio Signore, non mi annoverare tra gli ingiusti”.

  • 23:95

    In verità, Noi possiamo mostrarti quello che abbiamo loro promesso.

  • 23:96

    Respingi il male con ciò che è migliore. Ben sappiamo quel che dicono.

  • 23:97

    E di': “Signore, mi rifugio in Te contro le seduzioni dei diavoli,

  • 23:98

    e mi rifugio in Te, Signore, contro la loro presenza vicino a me”.

  • 23:99

    Quando poi si presenta la morte a uno di loro, egli dice: “Mio Signore! Fatemi ritornare!

  • 23:100

    Che io possa fare il bene che ho omesso”. No! Non è altro che la [vana] parola che [egli] pronuncia e dietro di loro sarà eretta una barriera fino al Giorno della Resurrezione.

  • 23:101

    Quando poi sarà suonato il Corno, in quel Giorno non ci saranno tra loro più legami parentali, e non si porranno più domande.

  • 23:102

    Coloro che avranno bilance pesanti, avranno la beatitudine;

  • 23:103

    ma coloro che avranno bilance leggere, saranno quelli che avranno perduto loro stessi: rimarranno in perpetuo nell'Inferno,

  • 23:104

    il fuoco brucerà i loro volti e avranno torte le labbra.

  • 23:105

    “Non vi sono stati recitati i Miei versetti? E non li consideraste imposture?”

  • 23:106

    Risponderanno: “Nostro Signore, ha vinto la disgrazia, eravamo gente traviata.

  • 23:107

    Signore, facci uscire di qui! Se poi persisteremo [nel peccato], saremo, allora, davvero ingiusti”.

  • 23:108

    Dirà: “Rimanetevi e non parlateMi più”.

  • 23:109

    Invero, c'era una parte dei Miei servi che diceva: “Signore, noi crediamo: perdonaci e usaci misericordia! Tu sei il Migliore dei misericordiosi!”.

  • 23:110

    E invece li avete scherniti al punto da perdere il Ricordo di Me, mentre di essi ridevate.

  • 23:111

    In verità, oggi li ho compensati di ciò che hanno sopportato con pazienza; essi sono coloro che hanno conseguito [la beatitudine].

  • 23:112

    Dirà: “Quanti anni siete rimasti sulla terra?”.

  • 23:113

    Risponderanno: “Siamo rimasti un giorno, o parte di un giorno. Interroga coloro che tengono il computo”.

  • 23:114

    Dirà: “Davvero siete rimasti ben poco. Se lo aveste saputo!

  • 23:115

    Pensavate che vi avessimo creati per celia e che non sareste stati ricondotti a Noi?”.

  • 23:116

    Sia esaltato Allah, il vero Re. Non c'è altro dio all'infuori di Lui, il Signore del Trono Sublime.

  • 23:117

    E chi invoca insieme ad Allah un'altra divinità, senza averne prova alcuna, dovrà renderne conto al suo Signore. Certamente i miscredenti non prospereranno.

  • 23:118

    E di': “Signore, perdona e usaci misericordia, Tu sei il Migliore dei misericordiosi”.

Paylaş
Tweet'le